10. aprile 2005

Mi conceda questo ballo

Saper ballare il liscio, mi piacerebbe, ma farlo bene, che a far due giri son buoni tutti. E invece saperlo ballare bene, impettito con tutta l’impostazione giusta, con la sicurezza di chi la pista la conosce come il proprio divano, che ci sta comodo come sul proprio divano, e con quella sicurezza farle girare tutte, belle brutte alte basse grasse magre vecchie e giovani. “Signorina balla?” dandole del lei, che se non la conosci non è cortese partire subito con la confidenza del tu, e lei non dice certo di no, che le piace quando poi le gira un po’ la testa.
Ma non son più tempi, dovevo nascere un bel po’ di anni prima, e magari in Romagna. Tocca consolarsi con le feste di campagna, che se l’estate si decidesse anche ad arrivare saremmo tutti contenti.