16. maggio 2004

Rat

E’ un po’ come quando schiaccio il pedalino del distorsore. Come quando la fender passa dal suono lucido e gentile della normale amplificazione a quello arrabbiato del RAT. E’ così che mi va il venerdì sera. Tranquillo, pulito, preciso, ogni movimento ben delineato fino a quando arriva la distorsione. Click. E lì non c’è ricerca di gesti, non c’è gentilezza, qualsiasi corda prendi va bene, l’importante è sentire quel suono, accartocciarsi su di lui. Che copre tutto.