02. aprile 2004

Elettroshop

Qualche anno fa lavoravo in uno di quei negozi tipo Trony o Unieuro, dove vendono qualsiasi cosa che abbia una spina o comunque che abbia a che fare con l’elettricità. Lavoravo nel reparto computer, part-time. Beh, amici miei, ho visto cose che voi umani… L’umana gente non smetterà mai di stupirmi, ma in quel posto doveva esserci una buca. Qualche esempio?

Signore tarchiatello sui 50: arrivava e mi diceva “Buocciorno, vorrei IL Playstation per la creatura.” IL Playstation!??! La creatura!??! Mi sono fatto mille volte violenza per non urlare in faccia a sta gente che si dice LA Playstation, cristosanto, LA! Ma meglio non contraddire il cliente. Gli mostravo il Playstation, il tipo si incazzava per il prezzo e tornava a casa con un Gameboy. Chissà la felicità della creatura.

Signora sui 40: “Buongiorno” mi fa, con aria tipo “ciao commesso è inutile che fai la faccia da esperto che io ne so più di te sicuramente”. Io:”Buongiorno signora, come posso aiutarla?”. Lei:”Guardi, ho un problema con Windows 97″. Attimo di silenzio. Io:”Voleva dire Windows 98? o 2000?”. Lei:”LO ACCENDO TUTTE LE SERE LO SAPRO’ BENE CHE WINDOWS E’: E’ WINDOWS 97!”. Io:”Vede signora… Windows 97 non esiste… c’è il 95 e c’è il 98 ma in mezzo non c’è stato niente…”. Lei:”MI STA DANDO DELLA CRETINA???”. Stai calmo, conta finchè riesci a contare, prendi ossigeno… ok, va meglio. “Bene signora, mi dica, che problemi le dà Windows 97?” (che anche se non esiste, in quanto Windows darà comunque dei problemi).

Ma il delirio vero e proprio si raggiungeva nelle giornate dove c’era il tutto a metà prezzo. Code di macchine infinite sulla via Emilia, gente stipata davanti alla porta chiusa, schiacciata da quelli dietro che volevano entrare prima di quelli davanti. Si estraeva a sorte chi doveva aprire la porta, anche quelli della security avevano paura. Il pericolo era l’effetto Vajont: un’onda umana che scavalca e travolge tutto e tutti. Poi, sfogata l’onda: il burdèl.
Ricordo ancora il commesso della telefonia (offerta: cellulare a 40 euro) in piedi sul bancone a gridare “STATE CALMI!”. Ed ho ancora davanti agli occhi l’immagine di un vecchietto seduto su una lavatrice in offerta, col commesso che provava a spiegargli “guardi che quella è solo per l’esposizione, non possiamo vendergliela” e lui che si impuntava “No! Costa l’è mia! E agh stag scranè finchè am la vendì miga!” (trad.: questa è mia e ci sto seduto sopra finchè non me la vendete). Oh, alla fine gliel’han dovuta imballare e vendere.

Un’altra volta vi racconterò dei corsi motivazionali che avevano fatto fare a tutti i dipendenti…. tu sei l’azienda… devi essere causativo… propositivo… proattivo…