20. maggio 2003

Non si scorda mai

Io da piccolo ero un bambino simpatico, direi sopra la media. Ma ero anche sveglio sopra la media… la prima bimba l’ho baciata che avrò avuto 8 anni. Mi ricordo la scena perchè è stato un po’ un trauma dal momento che mia nonna ci aveva trovati avvinghiati.
Lei era la mia vicina di casa di un anno più vecchia praticamente una sorella, eravamo cresciuti insieme e probabilmente mi era sembrato giusto sperimentare con lei le prime esperienze. Così un giorno, non ricordo da chi era partita l’idea, abbiam deciso di provare a baciarci come nei film. Stando però attenti che non ci trovasse mia nonna che eran cose che mia nonna non era abbastanza moderna per poterle condividere. Allora cosa facciamo? Dai nascondiamoci sotto il tavolo in sala, tanto mia nonna è di là e finchè si sente l’acqua che scorre nel secchiaio vuol dire che sta lavando i piatti.
Solo che non avevamo calcolato che mia nonna era un tantino più avanti di noi, e appena ci ha sentiti più silenziosi del solito ha pensato di lasciare aperta l’acqua del secchiaio, così noi pensavamo che stava lavando, ed è venuta a vedere cosa stavamo facendo.
Ci ha trovati avvinghiati sotto il tavolo in un bacio che nemmeno nella migliore delle fiction lo puoi trovare, così appassionati e a occhi chiusi da far schivare l’infarto alla povera nonna, che col suo urlo l’infarto l’ha fatto venire a noi. Santa donna.
Da allora non bacio più nessuno a occhi chiusi.