17. aprile 2003

Lo sapevo io… mi sta

Lo sapevo io… mi sta già stretto sto posto qui… vorrei qualcosa di più flessibile… mi sa che me lo rifaccio in proprio il blog.

A me stan sui coglioni

A me stan sui coglioni quelli che non parlano.
Non che io sia un fiume di parole ma cazzo dì qualcosa almeno muoviti! Ieri sera cena fra amici e avevo già il pensiero che ci sarebbe stata quella che non parla. Che lei non parla mai, non dice mai un cazzo.
Sta lì.
Un mangiafumo.
Certo c’hai i tuoi problemi e la vita non è stata buona con te ma diobono fai qualcosa! Puoi mica star lì a sorridere e tossire tutta sera e basta, poi la gente pensa male, pensa che hai qualcosa che non va, mentre io sono convinto che non c’hai niente che non va, solo semplicemente ti pianti. E il ctrl+alt+canc non te l’han dato.
Delle volte mi vien da darti una spinta a vedere cosa fai. Secondo me sbatti per terra e non dici niente. Si può mica stare al mondo così, poi magari finisce che scrivi un blog sul suicidio.
Ecco una bella moda che ho visto tra sti blog che ci viaggio in mezzo da poco però mi sto documentando. C’è un sacco di gente che si vuol suicidare. Anche sta gente mi sta sui maroni. Più del mangiafumo. Se c’hai bisogno di attenzioni apri un blog e scrivici che c’hai bisogno di attenzioni, mica che ti vuoi uccidere. Che secondo me uno che si vuole uccidere davvero ma davvero davvero non lo va mica a scrivere su internet. Ce lo vedo che spegne il computer e si impicca col filo del mouse (porca puttana ce l’ho cordless mi sa che a me mi tocca restare al mondo per un po’).
Che poi dai, ti puoi mica uccidere a primavera.