11. maggio 2007

La compagnia

Si sappia, sia reso pubblico, chiamate la stampa: ho comprato per la prima volta una canzone online.

Mi son registrato su iTunes, ho inserito tutti i dati (sta cosa che si memorizzino la mia carta di credito non mi piace granché, preferirei inserirla ad ogni acquisto…) e per la prima volta ho acquistato musica online. Online ci compro un sacco di cose, sia per svago che per lavoro, ma la musica… su, on è poi così automatico, quando si è online, comprarla.

E invece sta volta ho investito ‘sti 90 centesimi (più o meno) di euro e mi son tirato giù l’ultima di Vasco, che ormai c’ho un’età che star lì a scaricare millemila versioni maffone per poi ascoltarle una per una e trovare quella buona, non ce la posso fare, è anche venerdì, c’ho una settimana alle spalle, non c’ho mica i maroni di mettermi lì a spulciare.

Devo uscire di qui, cominciare il giro degli aperitivi, il tour del longisland, la vuelta del cuba libre e cantarla a squarciagola, che è stupenda.

Mi sono alzato
mi son vestito
e sono uscito solo solo per la strada
Ho camminato a lungo senza meta
finché ho sentito cantare in un bar
finché ho sentito cantare in un bar.

27. marzo 2007

Ciao, sono io, e ti spammo

Tagged, mi sta sui maroni. Questo post ha la chiara intenzione di farlo odiare a tutti, perché son stanco dei furbetti online (ma anche offline).

Ho ricevuto una mail che aveva come mittente una persona che ho conosciuto via Flickr: la mail mi chiede “E’ XXX (cioè il mittente) una tua amica?”. Beh, oddio, amica amica no, però so chi è, è simpatica e fa delle belle foto. “Clicca su SI o su NO”.

A questo punto mi sono insospettito: cliccando sia su sì che su no si viene mandati alla stessa pagina. Puzza di fregatura. E io che faccio? Ci clicco. Arrivato lì su Tagged mi trovo in una pagina con l’iscrizione, inserisco i miei dati, lui riconosce Gmail e alla pagina successiva, senza star lì a menarla tanto, cerca di accedere alla mia rubrica di Gmail per sparare un invito a tutti i miei contatti.

Il fatto è che NON E’ PER NIENTE CHIARO che sta accedendo alla rubrica di Gmail , sembra più un’interfaccia step by step di configurazione del servizio

Il risultato è che sparano un totale di SPAM a nome tuo, se non ti accorgi di quello che stanno facendo. E infatti Parmachiara mi ha appena avvertito di aver ricevuto lo stesso invito da un blogger (blogstar in questo caso) con casella su Gmail. E anche lui probabilmente non aveva alcuna intenzione di invitare il mondo a iscriversi a Tagged. Io per fortuna mi sono fermato giusto un attimo prima di fare il danno.

Quindi, signori, diffidate dai soliti furbetti, e passate parola.

P.S.: Cosa è Tagged? Fuffa, tipo MySpace da quel poco che ho visto.

01. dicembre 2006

Avviso ai naviganti

Scrivo velocemente questo post, perché mi sembra il caso di avvertire chi di queste cose poco ne sa.
In due giorni due persone mi hanno chiesto informazioni riguardo una mail che hanno ricevuto, dove venivano avvisati, da persone sconosciute, di essere vettori di un worm. A entrambi viene consigliato di scaricare un software per togliere il worm, inserendo un link a un sito.
Le due mail sono molto diverse, i link hanno indirizzi diversi (http://www.adwaredestroyer.biz e http://www.SpyProductKiller.biz), i due siti sono identici. La conclusione è una sola: le mail sono false.
Conclusione: Se vi arriva una mail di questo tipo, da una persona o da uno studio legale o da Babbo Natale, IGNORATELA e soprattutto non scaricate quel software!
Date un occhio anche su Punto Informatico per altre informazioni.
Leggi tutto…

23. ottobre 2006

Buona paranoia

asia.jpgNavigando per blog vip o semivip o insomma di gente conosciuta, passando per il blog di Syria (la cantante) sono arrivato sul video – blog – online – project – diary – bastachesemoonline di Asia “Euforia” Argento.
In pratica un video diario quotidiano che dura una decina di giorni (ed è ancora in corso) dove la nostra ci racconta cose e si mostra con la sua solita verve. I video non son stato lì a guardarli tutti, al secondo ero già in depressione pesante, ma oh può essere che son cose per palati raffinati. A proposito, ci scappa anche una tetta, per chi avesse bisogno di un incentivo.
Vedevatelo.
Update delle 19.32: ne ho guardato qualcun’altro. Secondo me, questione di ore, e si tromba.

29. maggio 2006

Generazione di fenomeni

Premetto: post stralungo. M’arrivano spesso email con invito all’inoltro, e non puoi mai rispondere al primo che l’ha scritta. Sta volta invece gli rispondo, ma non volendo rompere i maroni risalendo la catena dell’inoltro, lo faccio qui, via blog.
Leggi tutto…

02. marzo 2006

Le matte risa

Non so voi, ma a me sto video mi raddrizza le giornate storte (sempre se non mi metto a pensare che in teoria, per credenza popolare, sarei potenzialmente portatore di parti tri-gemellari).

28. febbraio 2006

Incazzature

Protesto. Perchè son stanco, perchè fa le regole chi non conosce le cose, chi non gliene frega niente delle cose che regola. Protesto qui in modo che anche chi non fa di internet il proprio pane quotidiano possa comunque capire cosa sta succedendo, protesto qui perchè le televisioni non ne parlano.
E’ stata attuata per la prima volta in un paese in teoria democratico una forma di censura finora conosciuta solo in paesi dove la democrazia è un’utopia: è stato bloccato l’accesso, dall’Italia, a siti internet non graditi ai nostri Monopoli di Stato. In Italia, per legge, chi si occupa di scommesse può farlo solo dietro la “supervisione” dei Monopoli di Stato, e questo mi può anche stare bene: il problema con internet si è presentato per chi si occupa di scommesse dall’estero e non ha preso accordi coi nostri Monopoli.
Si sapeva di questa lacuna legislativa e mi son detto:”beh, contatteranno i gestori di questi siti chiedendogli di fare in modo che gli utenti italiani non possano scommettere”. Mi sembrava la soluzione più ovvia, ma ho dato per scontato un po’ troppe cose e infatti cosa han fatto i nostri governanti? Hanno completamente bloccato l’accesso dall’Italia a tutti questi siti (516, per la precisione).
Ecco, è questo che mi manda in bestia, che mi fa pensare che potrebbe essere solo l’inizio di una lunga serie, perchè se questo metodo venisse usato per bloccare l’accesso a siti di pedopornografia non dico niente, anzi applaudo guarda, ma se una soluzione del genere viene usata solo perchè si sa o non si vuole adottarne altre allora mi incazzo. Perchè io ho ogni diritto di vedere quei siti, di leggerne i regolamenti, di accedere alle loro pagine. E’ come se mi vietassero di guardare una mostra di automobili perchè non ho la patente.
Tutto questo, ci tengo a sottolinearlo, grazie all’ultima finanziaria.
A pensar male, ci sarebbe anche un altro motivo per chiudere così brutalmente l’accesso: i bookmaker inglesi, su quei siti di scommesse, davano Berlusconi per perdente con quote molto superiori a quelle dei suoi sondaggi…

(Altre informazioni su Punto Informatico)

13. febbraio 2006

Odio i lunedì

Ciao cofano,
I tuoi blog ed il sito Splinder non saranno accessibili da Lunedi’ 13 alle 17:00 fino a Martedi’ 14 Febbraio alle 7:00.

Ora, mica per esser rompicoglioni a qualsiasi costo, ma secondo me la gente seria questi interventi li fa nel weekend. Eh oh, te l’ho mica detto io di fare il provider.

–UPDATE–
E’ lunedì, cercate di capirmi. C’è stato un malinteso. Quella mail lì su me l’ha mandata Splinder, e io ormai è più di un anno che non sono su Splinder. Ma il ragionamento è valido lo stesso (anche se mi riguarda un po’ meno), basta sostituire “provider” con “parola-che-indica-chi-ospita-blog”. E TopHost funziona comunque proprio male. E i lunedì li odio lo stesso.

10. febbraio 2006

Nervi

Secondo me l’ipod, i lettori mp3, gli mp3 in genere, hanno tutto sto successo solo perchè non hanno ancora inventato un modo intelligente per togliere la plastica dai cd appena comprati.

14. dicembre 2005

Fateci lidele

I cinesi son sempre più pericolosi, datemi retta. Non solo ci stan facendo il mazzo con l’economia, ma hanno anche imparato a farci ridere.

Ci sia di consolazione il fatto che se son così tanti e organizzati ma non hanno ancora conquistato il mondo, un motivo ci sarà. Vedi sopra.
Update: ecco il link definitivo, il loro blog (che sa un po’ di fake ma fa lo stesso)

« Post precedenti   Post seguenti »