« - Home Page - »

11 luglio 2007

Ossessioni 2.0

C’è un omino, in giro per Parma, che mi ossessiona e non lo sa. Ha cominciato anni fa, quando avevo la morosa che abitava in piazza Ghiaia (quella dove c’era il mercato permanente all’aperto e adesso vogliono interrarlo) e si metteva sotto la mia finestra il sabato mattina alle 9 e stava lì a far casino fino all’una, ora in cui mi sarebbe piaciuto svegliarmi, visto che in genere il venerdì sera stavo in giro fino verso le 5 del sabato mattina. L’omino in questione arrivava alle nove, apriva il suo seggiolino e suonava la fisarmonica. E a me s’apriva l’occhio e non c’era maniera di riaddormentarmi.

Che uno dice, beeeeello, svegliarsi con la fisarmonica sotto la finestra: bello un cazzo. O meglio, bello la prima volta, carino la seconda, dalla terza ti vien voglia di tirar secchiate d’acqua giù dalla finestra. Che poi, lui lì è straniero, credo dell’Est, e quando è arrivato in Italia e ha cominciato a sedersi sotto la mia finestra sapeva suonare un paio di canzoni e le suonava ininterrottamente per quattro ore filate.

Da allora, l’omino, lo incontro ovunque: se parcheggio in via Farini per un aperitivo il venerdì sera, lui è lì che m’aspetta con la sua fisarmonica e un paio di giapponesi che lo filmano o gli fan foto. Se faccio un giro per negozi lui è lì in via Cavour che suona, lo sento da lontano, sento il suono della fisarmonica e son sicuro che è lui. C’ha il monopolio della fisarmonica di strada, a Parma.

Bisogna ammetterlo, non che sia un fenomeno ma dai tempi di Piazza Ghiaia è migliorato parecchio, però io ho ancora sullo stomaco le ore non dormite, e quando sento quella fisarmonica mi vien su la carogna.

Per liberarsi delle ossessioni come questa, uno basta che stia in casa, non vada nei posti dove lui di solito va e il problema è risolto. Uno sta in casa, cazzeggia su internet, si gode un po’ di servizi web2.0 e filmati su YouTube ed è a posto, o almeno crede.

Perché le ossessioni, ai giorni nostri, non conoscono confini.

10 commenti

Gravatar

1. Fran ha scritto il 11 luglio 2007 alle 13:28

LOL, l’ho notato anche io e stentavo a crederci 😉

zitto, che io provengo da anni di lavoro alle terme ove l’orchestra suonava dalle 6 alle 12, e il pezzo forte era proprio la fisarmonica…

Gravatar

2. Parmachiara ha scritto il 11 luglio 2007 alle 19:53

Deve’essere lo stesso tipo che rompeva le palle a me al sabato mattina zona Ghiaia.
E però l’avevo sempre e solo sentito.
Mai visto.
Grazie della gioia.
Che m’hai procurato s’intende.
🙂

Gravatar

3. Antar ha scritto il 12 luglio 2007 alle 10:47

Te m’hai fatto cappottare dalle risa.
Grazie 😉

Gravatar

4. Cernobil ha scritto il 13 luglio 2007 alle 08:31

Secondo me ti sta pedinando se fossi in te mi starei attento….qualche giorno te lo ritrovi dentro casa

Gravatar

5. cofano ha scritto il 13 luglio 2007 alle 09:50

@ fran: pensa se ti ossessionasse tutta l’orchestra 😀
@ parmachiara: a buon rendere 😉
@ Antar: ehhehehe figurati
@ Cernobil: vabbè a quel punto lo invito a cena, che è evidente che non posso combatterlo

Gravatar

6. Jojoy ha scritto il 13 luglio 2007 alle 13:29

Una persecuzione, preticamente.

Gravatar

7. Zio Dany ha scritto il 15 luglio 2007 alle 18:32

Cofano, sei un grande!
I tuoi post sono fantastici!!

Uno più bello dell’altro!! 😀
Hai un nuovo visitatore fisso!! 😛

CiaO!!

Gravatar

8. marco trezzini ha scritto il 17 luglio 2007 alle 09:22

…. mi sono quasi pisciato adosso dal ridere ;-)))))
é bellissimo il tuo post.
come creatore del sito Arounder Parma mi sento comunque un po’ in colpa, non avrei mai pensato di fomentare digital obsessions 😉
tuo
marco

Gravatar

9. cofano ha scritto il 17 luglio 2007 alle 09:48

@ jojoy: proprio quella
@ Zio: uelà! Grazie!
@ Marco: aaaargh! Il colpevoleee!! 😉 Dai scherzo, non è colpa tua, è lui che è dappertutto.

Gravatar

10. Lei ha scritto il 23 luglio 2007 alle 16:24

Stavo dormendo, lo giuro. Lui per evitare di russarmi nelle orecchie s’era messo a vedere la tv sul divano. Ed io nel letto, dopo un’abbondante lettura di una palla di libro ho chiuso gli occhi, nella convinzione che li avrei riaperti solo stamattina. E invece no. Perchè verso le due di notte, DUE omini, TROMBONE E FISARMONICA, si sono messi sotto la mia finestra a suonare canzoni napoletane. Quando dopo mezz’ora di cuscinate sulle orecchie e dita a mò di tappi ho deciso di alzarmi per buttargli un secchio d’acqua addosso, se ne sono andati. Ecchecculo.

Lascia un commento

Potete usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>