26. ottobre 2004

Scambi elettorali (dialogo in lingua)

Giorno di elezioni. Mattino presto. Interno. Corridoio di una scuola. Due vecchietti.
“Et votè ben, vè?”
“Mì sì, e tì? A te t’sarè sbagliè, fascista!”
“Fascista a srà ch’la vaca ed tò mèdra”
“Sè, fascista mè medra, ch’lè morta che Musolini l’andèva ancora a scola”
“Elora la srà stèda la sò méstra”.
Risate. Sipario.

« Post precedenti