« - Home Page - »

18 luglio 2004

Unità

Ieri sera, Festa dell’Unità. Che qui da noi è una cosa normale, non so da altre parti, ma qui da noi andare alla Festa dell’Unità è normale, anche se non è più come una volta.
Quando ero piccolo, che mia zia era nel partito, mia zia che da giovane faceva la spola tra pianura e collina coi messaggi dei partigiani nascosti nei capelli, che poi non poteva che restare nel partito, lei mi portava sempre alla Festa dell’Unità. E io da bambino in mezzo a tutto quel rosso capivo di far parte di qualcosa, ma non capivo bene cosa, e poi il rosso non mi piaceva neanche tanto, io volevo una Festa dell’Unità con le bandiere gialle, allora sì sarebbe stato tutto perfetto. E mia zia, che conosceva quella della pesca di beneficienza, mi ricordo che mi aveva fatto vincere l’astronave di Capitan Harlock, alla Festa dell’Unità. Che poi non è che c’era solo mia zia alla festa, c’era tutta la famiglia, capirai se non c’era mia nonna, però mia zia era quella che mi portava in giro e mi faceva vedere le cose e sentire i profumi, e certe volte mi metteva anche un fazzoletto al collo, che mi sentivo un cowboy. E poi mi lasciava correre attorno alla pista dove si ballava il liscio.
E ieri sera mentre ero lì che pensavo, vaccaboia son vent’anni che è morto Berlinguer e non me l’ha detto nessuno se non sto volantino che c’ho in mano, c’era un megafono attaccato a un palo con una voce che non mi ricordo di preciso cosa diceva, ma era proprio uguale alle Feste dell’Unità dove andavo da piccolo. E c’erano anche i bambini che correvano attorno alla pista del liscio. Forse non ci si sta perdendo poi tanto e magari si può risistemare le cose. O forse anche no. Perchè una volta era normale cantare bandiera rossa, ieri sera avrebbe fatto strano.

18 commenti

Gravatar

1. utente anonimo ha scritto il 18 luglio 2004 alle 13:10

Finché vedrai sventolar Bandiera Gialla, tu saprai che qui si balla, ed il tempo volerà…
COf, ma sei te il signor Pettenati?
brian

Gravatar

2. cofano ha scritto il 18 luglio 2004 alle 19:08

Pettenati Cofano. Presente.

Gravatar

3. phoebe1976 ha scritto il 19 luglio 2004 alle 09:27

Cavolo, io voglio l’astronave di Capitan Harlock! E’ stato il mio primo sogno erotico, mi spetta di diritto!!!

Gravatar

4. phoebe1976 ha scritto il 19 luglio 2004 alle 09:28

Da noi le feste dell’unità non ci son più, sostituite da specialità enogastronomiche. Via la politica, arriva la panza.

Gravatar

5. cofano ha scritto il 19 luglio 2004 alle 10:14

essì phoebe, è tutto un magna magna…
riguardo all’astronave di harlock, penso che Freud avrebbe qualcosa da dire 🙂

Gravatar

6. phoebe1976 ha scritto il 19 luglio 2004 alle 11:08

Cosa?

Gravatar

7. cofano ha scritto il 19 luglio 2004 alle 11:15

Ah! No ho capito adesso… dio sa a cosa avevo pensato… no no scusa, era Harlok il sogno erotico… ohimè, devo dormire di più…

Gravatar

8. venedikt ha scritto il 19 luglio 2004 alle 12:38

Gran serata, a parte i cadaveri che erano con noi

Gravatar

9. jorma ha scritto il 19 luglio 2004 alle 13:47

Io ero il bambino che aiutava allo stand delle patatine fritte o (in quella nazionale) al ristorante egiziano e che non ha mai vinto l’astronave….

Gravatar

10. cofano ha scritto il 20 luglio 2004 alle 08:19

Jorma, ce l’ho ancora da qualche parte, se vuoi te la mando

Gravatar

11. jorma ha scritto il 20 luglio 2004 alle 10:24

non scherzi?

Gravatar

12. jorma ha scritto il 20 luglio 2004 alle 11:19

la voglio…ti pago in tiramisu’

Gravatar

13. cofano ha scritto il 20 luglio 2004 alle 14:17

No, coi tiramisù no che ci metti i savoiardi…

Che bella che è… si chiamava qualcosa tipo Arcadia o sbaglio?

Gravatar

14. jorma ha scritto il 20 luglio 2004 alle 14:27

ARCADIA, si’ si’

Gravatar

15. cofano ha scritto il 20 luglio 2004 alle 14:53

Ma la forma “vagamente” fallica avrà avuto ripercussioni sullo sviluppo di noi affezionati?

Gravatar

16. RosaRospa ha scritto il 22 luglio 2004 alle 13:54

Secondo me si, è evidente che sei un maniaco sessuale…. 🙂

Gravatar

17. cofano ha scritto il 22 luglio 2004 alle 15:31

Azz… scoperto subito!

Gravatar

18. L.achille ha scritto il 27 luglio 2004 alle 23:21

che impressione leggerti…anche nei miei ricordi ci sono..cori..canzoni..e bandiere rosse..a me piacevano…e mi piacciono ancora..lì..in mezzo a quella gente..facce familiari..mi sentivo a casa…ed ancora oggi..a volte..vorrei tornare indietro e sentire quel senso di appartenenza….oggi a trenta anni…beh giro per la festa dell’unità e le uniche facce che mi guardano sono quelle di uomini ..poco interessati a ciò che sento qui..tra questi colori…e sempre lo stsso odore..di..salsicce..che sembra l’unica cosa che non cambia mai…grazie per questo tuffo nel passato…laura

Lascia un commento

Potete usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>