« - Home Page - »

08 marzo 2004

Lista.txt

E’ successo che ho trovato un file, sul desktop del portatile. Lista.txt. Checcazzè sta roba? Apro. Una lista di canzoni, canzoni che non posso aver scelto io. Però il file l’ho fatto io. Caterina Caselli. Battiato. Carboni. Consoli. Tutte canzoni cantabili a memoria dall’inizio alla fine. Questa roba sa di V. lontano un chilometro, ma quando cazz…? Ah! La lista del cd da portare in vacanza. Cd che non ho mai fatto, chiaramente. “Chiaramente” perchè sono quel tipo di persona che alla lunga perde attenzioni verso il partner, che si appoggia sulla sicurezza di un amore giurato da quattro anni. Perchè sono pigro in molte cose, fra queste l’amore.
Ma in vacanza ci siamo andati, anche senza il suo cd.
Vado da lei alle 21.00 con valigeria e tutto il necessario, parcheggio sottocasa e salgo. Sì, ho tutto, ho preso anche la tenda che non si sa mai. Allora a che ora ci alziamo? Alle 6.00? Ok, così per le 7.00 siamo in macchina puntati verso la Croazia. Mi sta bene, punta la sveglia. V. che ora è adesso? Le 22 eh? Dai, vestiti che andiamo. No, non andiamo a bere niente, andiamo in Croazia. Massì dai, basta che mi parli un po’ e non mi addormento mica. E poi sai che bello arrivare là all’alba?
Le piaceva questo mio aspetto, che ogni tanto cambio idea e faccio le cose d’istinto. Non le è piaciuto granchè quando l’ho lasciata. Non era pronta a farselo ripiacere quando sono tornato indietro.
Poi succedono tante di quelle cose, in così poco tempo. Però forse è ora di farlo, quel cd. E non per tornare indietro e nemmeno per andarla a cercare, ma per ricordarmi, quando ce ne sarà bisogno, che l’ultima cosa da fare, in amore, è sedersi e godersi il paesaggio.
Bugiarda – Caterina Caselli | Sarà perchè ti amo – Ricchi e Poveri | Gelato al cioccolato – Pupo | E ti vengo a cercare – Battiato | Gli uccelli – Battiato | La cura – Battiato | 10 ragazze – Battisti | Con il nastro rosa – Battisti | Hey Jude – Beatles | She loves you – Beatles | E la luna bussò – Bertè | Blowin in the wind – Bob Dylan | Glory days – Bruce Springsteen | I’m on fire – Bruce Springsteen | Chicchi di grano – Luca Carboni | L’ultimo bacio – Carmen Consoli | Fiori d’arancio – Carmen Consoli | Father and son – Cat Stevens

10 commenti

Gravatar

1. stregaccia ha scritto il 09 marzo 2004 alle 09:51

L’amore mi fa molto, molto ridere
e mai, io dico mai, ci crederò
L’amore, quello vero, non esiste più
dopo all’improvviso arrivi tu.
Se guardo te io sono bugiarda
l’amore c’è. E’ dentro di me.
Amo te, uh sono bugiarda, bugiarda lo so.
Il mondo ci potrà forse anche credere
ma io, io dico no, non crederò
L’amore quasi vero non lo vedi più
dopo all’improvviso arrivi tu
Se guardo te io sono bugiarda
l’amore c’è. E’ dentro di me
Amo te, uh io sono bugiarda, bugiarda lo so
L’amore quello vero non esiste più
dopo all’improvviso arrivi tu
Se guardo te…

Gravatar

2. cofano ha scritto il 09 marzo 2004 alle 09:59

sci lovs iu ieee ieee ieee sci lovs iu ieee ieee ieee sci lovs iu ieee ieee ieee ieeeeeeeee

Gravatar

3. amarilla ha scritto il 09 marzo 2004 alle 11:09

Che strana la vita che cos’è l’amore,
tu adesso ci credi o non ci credi più,
e in un minuto quante cose si possono fare
un minuto, un minuto… quanto può durare…

Così ogni tanto mi chiedo… dove sarai adesso
Con chi ridi contenta,
chi non deve cambiare,
da quale corpo il corpo… s’è fatto imbrogliare,
Dentro a quale silenzio… vi lasciate morire…

Gravatar

4. cofano ha scritto il 09 marzo 2004 alle 11:23

…poi come foglie d’autunno un colpo di vento ci spazza via, come chicchi di grano buttati per caso in un campo, cresciamo magari forse ci amiamo ma poi ci scontriamo e non ci si incontra più…

Gravatar

5. stregaccia ha scritto il 09 marzo 2004 alle 11:38

Inseguendo una libellula in un prato
un giorno che avevo rotto col passato
quando già credevo d’esserci riuscito, son caduto
una frase sciocca un volgare doppio senso
mi ha allarmato: non e’ come io la penso
ma il sentimento era già un po’ troppo denso e son restato
chissà, chissà chi sei
chissà che sarai, chissà che sarà di noi
lo scopriremo solo vivendo
comunque adesso ho un po’ paura, ora che quest’avventura
sta diventando una storia vera spero tanto tu sia sincera
un magazzino che contiene tante casse
alcune nere, alcune gialle, alcune rosse,
dovendo scegliere e studiare le mie mosse,
sono all’impasse.
mi sto accorgendo che son giunto dentro casa
con la mia cassa ancora con il nastro rosa
e non vorrei aver sbagliato la mia spesa o la mia sposa
chissà, chissà chi sei
chissà che sarai, chissà che sarà di noi
lo scopriremo solo vivendo
comunque adesso ho un po’ paura, ora che quest’avventura
sta diventando una storia vera spero tanto tu sia sincera.

Gravatar

6. pandora ha scritto il 09 marzo 2004 alle 12:21

Non me ne volere x questa citazione “lunghetta”.

“Che cos’è l’amor
chiedilo al vento
che sferza il suo lamento sulla ghiaia
del viale del tramonto
all’ amaca gelata
che ha perso il suo gazebo
guaire alla stagione andata all’ombra
del lampione san soucì

che cos’è l’amor
chiedilo alla porta
alla guardarobiera nera
e al suo romanzo rosa
che sfoglia senza posa
al saluto riverente
del peruviano dondolante
che china il capo al lustro
della settima Polàr

Ahi, permette signorina
sono il re della cantina
volteggio tutto crocco
sotto i lumi
dell’arco di San Rocco
ma s’appoggi pure volentieri
fino all’alba livida di bruma
che ci asciuga e ci consuma

che cos’è l’amor
è un sasso nella scarpa
che punge il passo lento di bolero
con l’amazzone straniera
stringere per finta
un’estranea cavaliera
è il rito di ogni sera
perso al caldo del pois di san soucì

Che cos’è l’amor
è la Ramona che entra in campo
e come una vaiassa a colpo grosso
te la muove e te la squassa
ha i tacchi alti e il culo basso
la panza nuda e si dimena
scuote la testa da invasata
col consesso
dell’amica sua fidata

Ahi, permette signorina
sono il re della cantina
vampiro nella vigna
sottrattor nella cucina
son monarca e son boemio
se questa è la miseria
mi ci tuffo
con dignità da rey

Che cos’è l’amor
è un indirizzo sul comò
di unposto d’oltremare
che è lontano
solo prima d’arrivare
partita sei partita
e mi trovo ricacciato
mio malgrado
nel girone antico
qui dannato
tra gli inferi dei bar

Che cos’è l’amor
è quello che rimane
da spartirsi e litigarsi nel setaccio
della penultima ora
qualche Estèr da Ravarino
mi permetto di salvare
al suo destino
dalla roulotte ghiacciata
degli immigrati accesi
della banda san soucì

Ahi, permette signorina
sono il re della cantina
vampiro nella vigna
sottrattor nella cucina
Son monarca son boemio
se questa è la miseria
mi ci tuffo
con dignità da rey

Ahi, permette signorina
sono il re della cantina
volteggio tutto crocco
sotto i lumi dell’arco di San Rocco
Son monarca son boemio
se questa è la miseria
mi ci tuffo
con dignità da rey”

Gravatar

7. utente anonimo ha scritto il 09 marzo 2004 alle 13:59

Eh, l’amore, l’amore… ma certo che c’aveva accostamenti musicali strani la tua V…

Gravatar

8. cofano ha scritto il 09 marzo 2004 alle 14:12

Era fondamentale che fossero cantabili (da lei), poi che si accostassero fra loro non importava

Gravatar

9. utente anonimo ha scritto il 10 marzo 2004 alle 12:12

Sweet heart … non pensi che l’UBER ALLES sia un po’ fuori luogo?? Sa tanto di nazionalsocialismo …. Lots of love B.

Gravatar

10. cofano ha scritto il 10 marzo 2004 alle 13:31

Ehehehe mi suona bene però, e non l’ho inventato io 😉 Cmq lo cambierò, non voglio deludere i miei fan 😀

Lascia un commento

Potete usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>