05. dicembre 2003

Ma alla Alfa Romeo m…

Ma alla Alfa Romeo m’han preso per scemo? Secondo me sì. M’arriva una lettera (cartacea, spam pure nella cassetta, io non ho mai dato il mio indirizzo di casa a nessuna Alfa Romeo, come si fa a cliccare per venire cancellati dagli archivi?) con scritto gentile ilmiocognome, le vendiamo una splendida Alfa 147 a condizioni eccezionali. Alfa 147? Oh, ma l’hai vista? Non la prenderei neanche gratis, chissà che condizioni eccezionali ci saranno per me.

Vediamo un po’: Alfa Romeo ha quest’offerta SOLO PER ME! Minimo anticipo (non è dato sapere quanto), rate da 100 euro (non è dato sapere quante) e un finanziamento a tasso zero con l’asterisco. Seguo l’asterisco che si trova nel retro del foglio scritto piccolissimo e mi dice le spese che pensavo fossero segrete. Ora è dato sapere quanto: Trentaquattro pali per una 147?!?! Vabbè, vado a vanti. Ohooo abbiamo anche un valore di 1050 euro in assistenza e riparazione, e un paio di asterischi. Seguo il paio di asterischi e leggo che questo valore è usufruibile solo come sconto per l’acquisto di un’altra Alfa.
E tutto questo, solo per me! Sì, mi han preso per scemo.

Preferisco lo spam sul penis enlargement che m’arriva in email. Preferisco essere preso per uno che ce l’ha piccolo che per uno scemo. Sento di avere possibilità più concrete di smentita.

Legatelo

Apprendo da un quotidiano nazionale le ultime del nostro On. Min. Umberto Bossi. Deve soffrire della stessa malattia del nostro PdC (no, non pannello di controllo: presidente del consiglio) che quando gli parte l’embolo e gli toppa l’arteria gli volano fuori delle cagate da averci vergogna per lui. Ah, vi ricordo che costui è al governo mentre, per dirne uno, Enzo Biagi è sparito. Questa serie di illuminanti e affascinanti affermazioni è stata proferita pochi giorni fa. E io, con signorile distacco, ve le mostro. Poi, quando tutto andrà a puttane, non dite che non ve l’avevo detto.

  • “Uno lavora una vita e poi diamo la casa al primo bingo bongo che arriva?” (non voglio sindacare sul razzismo che l’uso di un termine del genere mi lascia intuire… ma… voglio dire… ma ti sei visto?)
  • “Questa non è la casa di tutti. Lo Stato-nazione è già debole e gli immigrati costano quanto una finanziaria. E l’immigrazione, ricordiamolo non è un diritto” (qui niente commentino, che non ce n’è bisogno)
  • “Ma il problema è che se tu legittimi il comunismo poi quello figlia.” (Io lo so che questo qui finisce che vuol castrare tutti quelli di sinistra… visto l’andazzo, speriamo nella castrazione chimica, almeno.)
  • “Non vorrei che qualcuno avesse scambiato per remissività, la nostra moderazione e la decisione di stare nel Governo per fare le riforme perchè questa volta o si fa il federalismo, o si torna in pieno alla secessione e sarà secessione dura.” (guarda, umbi, non avevamo dubbi)
  • Arbeit macht frei” (questa l’ho aggiunta io, che non l’ha detta ma certamente l’ha pensata).