25. luglio 2003

Gooooooooooodmorning!

Stamattina stavo per tirare dritto. Nel senso che stavo per non svegliarmi all’ora giusta. Ci ha pensato il telefono che mi ha fatto saltare in piedi come una molla. Era mia cugina da New York. Che parla con tutti in italiano ma con me, visto che l’inglese un po’ lo mastico, parla in lingua. Io appena sveglio faccio fatica a parlare in italiano, e stamattina mi son svegliato con una che voleva che parlassi in inglese. Ho ottenuto un compromesso “facciamo così, io ti parlo in italiano e te mi parli in inglese”.
Ci viene a trovare fra pochi giorni.
Bello.
Magari un po’ più di preavviso tornava comodo.
Prima o poi lo faccio anch’io. Piombo a New York avvisando pochi giorni prima. Sì sì, lo faccio. Giusto il tempo di entrare in terapia e curare la mia paura di volare e lo faccio.